X
GO

Bruciore di stomaco durante la gravidanza: cause, sintomi, rimedi e trattamenti

Il bruciore di stomaco (un sintomo della malattia da reflusso gastroesofageo) si verifica da un quarto alla metà di tutte le donne in gravidanza.

Il bruciore di stomaco di solito inizia nel primo o nel secondo trimestre e continua per il resto della gravidanza. È generalmente lieve e intermittente; ma in alcuni casi può essere grave.

Quali sono le cause del bruciore di stomaco durante la gravidanza?

La causa principale del bruciore di stomaco è il reflusso di acido dallo stomaco nell'esofago. Lo sfintere esofageo inferiore (il muscolo all'estremità inferiore dell'esofago che normalmente previene il reflusso acido) è più debole in gravidanza. Questo probabilmente è un effetto degli alti livelli di estrogeni e progesteroni che si verificano in una gravidanza. Dopo il parto la debolezza dello sfintere esofageo passa.

Inoltre, in gravidanza, avviene la distorsione degli organi nell'addome e l'aumento della pressione addominale causata dal feto in crescita. Questi cambiamenti promuovono maggiormente il reflusso di acido.

Rimedi e trattamenti

Alcuni cambiamenti dello stile di vita possono essere risolutivi per il bruciore lieve, come

  • sollevare la testata del letto o tenere altra la parte superiore del corpo (l’intero petto deve risultare elevato);
  • occasionalmente, potrebbe essere necessario dormire in una sedia reclinabile con un angolo di 45 gradi o superiore;
  • restare sdraiate sul lato sinistro di notte: in questa posizione, è fisicamente più difficile per l'acido refluire nell'esofago;
  • evitare i cibi scatenanti ad esempio caffè, cola, tè, alcool, cioccolato, grassi, succhi di agrumi, ecc.
  • fare piccoli pasti e spesso e l'ultimo pasto della giornata dovrebbe essere consumato in prima serata; dopo il pasto serale, non dovrebbero essere consumati altri liquidi. Più è vuoto lo stomaco prima di coricarsi, meno è probabile che ci sia reflusso di acido;
  • evitare di sdraiarsi dopo aver mangiato;
  • il fumo deve essere eliminato per numerose ragioni durante la gravidanza, incluso il fatto che aggrava il reflusso;
  • anche una gomma da masticare può essere utile, in quanto stimola la produzione di saliva, che contiene bicarbonato. La saliva e il bicarbonato vengono ingeriti e il bicarbonato neutralizza l'acido che si è riflesso nell'esofago.

Se i cambiamenti nello stile di vita non fossero adeguati, il medico potrebbe prescrivere dei trattamenti con farmaci che sono assorbiti minimamente nel corpo (e quindi non rappresentano una potenziale minaccia per il feto).

La prima linea di trattamento più ragionevole è costituita dagli antiacidi, un'ora dopo i pasti e prima di coricarsi.

Altri farmaci che possono essere considerati sicuri per le donne in gravidanza per alleviare il bruciore di stomaco includono antiacidi, combinazioni di acido alginico/antiacido e sucralfato, che agisce rivestendo e proteggendo il rivestimento dell'esofago e dello stomaco. Tuttavia, gli antiacidi possono interferire con l'assorbimento del ferro e il ferro è importante per il feto in crescita, di conseguenza le donne in gravidanza potrebbero aver bisogno di un'integrazione di ferro. Gli antiacidi contenenti magnesio potrebbero invece rallentare il travaglio se assunti appena prima del parto.

I farmaci che normalmente vengono usati per trattare i bruciori gastrici in pazienti non in gravidanza, come ad esempio gli inibitori della pompa protonica, non sono stati efficacemente testati sulle donne in gravidanza e dunque vengono considerati non sicuri.

Parlate sempre con il vostro medico prima di assumere qualsiasi farmaco per trattare il bruciore di stomaco durante la gravidanza.

Fonte: Medicinenet.com