X
GO
Ci sono così tante cose a cui pensare quando si aspetta un bambino. Una di queste dovrebbe essere il preoccuparsi di cosa fare del sangue del cordone ombelicale del neonato. Un tempo veniva gettato via alla nascita, ma ora molti genitori conservano il sangue per la salute futura del loro bambino.
Leggi
In tempo di pandemia, per molte donne in gravidanza, l’idea del parto in ospedale viene associata a quella di prendersi il virus. Ecco perché in molte gestanti si sta diffondendo sempre di più l’intenzione di partorire in casa per evitare il più possibile il contagio in ospedale. Tuttavia, secondo la maggior parte dei ginecologi e degli ostetrici, il parto in casa non può essere la soluzione.
Leggi
Immaginare, sognare, prevedere, anticipare sono pensieri che rappresentano una parte importante della gravidanza. Ci si chiede come sarà il proprio bambino e, soprattutto, se starà bene.
Leggi
Dall’acido folico al ferro, perché sono così importanti nel periodo preconcezionale e in gravidanza? In teoria, si dovrebbe iniziare ad assumere queste vitamine ancora prima del concepimento, per fornire all’organismo tutte le sostanze di cui mamma e bebè hanno bisogno per una gravidanza sana.
Leggi
Il bruciore di stomaco (un sintomo della malattia da reflusso gastroesofageo) si verifica da un quarto alla metà di tutte le donne in gravidanza. Solitamente inizia nel primo o nel secondo trimestre e continua per il resto della gravidanza.
Leggi
La depressione post partum (DPP) è un disturbo che colpisce, con diversi livelli di gravità, dal 7 al 12% delle neomamme e si verifica generalmente tra la 6ª e la 12ª settimana dopo la nascita del figlio, anche se è più comune nei primi tre mesi dopo il parto.
Leggi
Durante la gravidanza la donna può avvertire fastidi, disagi e, a volte, dolori, alcuni di questi fugaci e altri invece permanenti. Tali dolori “scomodi” possono verificarsi nelle prime settimane, mentre altri si presentano più ci si avvicina al momento del parto. Alcuni appaiono presto e poi spariscono, solo per tornare più tardi nei 9 mesi.
Leggi
La preeclampsia è una condizione che può svilupparsi nella seconda metà della gravidanza, a volte anche prima. Potrebbe verificarsi anche poco dopo il parto. Se non trattata, può trasformarsi in eclampsia, la forma più grave della condizione.
Leggi
Esistono fattori di rischio modificabili e non modificabili per l'infertilità o la ridotta fertilità. Sebbene alcuni fattori non possano essere modificati (come l’età e la riserva ovarica), altri, come il peso corporeo e le abitudini di vita, sono invece modificabili. Ecco perché le coppie spesso chiedono allo specialista di offrire loro indicazioni sulla dieta ideale per migliorare le loro possibilità di concepire e portare a termine una gravidanza.
Leggi
In generale non esiste nessuna prova di efficacia o evidenza scientifica in merito all’induzione del travaglio in modo naturale, anche se sulla rete si trovano una serie di consigli e metodi a riguardo.
Leggi
Pagina 1 di 2 PrimoPrecedente [1]